Somara e Polenta Osteria la Piola Paride Rabitti il Lambruscolo

Somara e Polenta Osteria la Piola Paride Rabitti il Lambruscolo

La ricetta: “Somara e polenta” (Osteria la Piola).

Ingredienti
1 kg di polpa di somara la parte anteriore possibilmente il guanciale. (Ci  racconta Camola che il guanciale era riservato al proprietario dell’animale che quando lo portava alla macellazione era la parte più prelibata che gli spettava come una specie di diritto medioevale).
2 cipollotti
4 carote
2 gambi di sedano
200 g di polpa di pomodoro
1 bottiglia di Lambrusco Albone
1 rametto di rosmarino
aglio
burro
lardo
sale q.b

Per la polenta
300 grammi di farina di mais
1 Litro di acqua.
1 bicchiere di Albone
Sale

Preparazione
La sera prima tagliare lo spezzatino di somara e mettere a bagno nel vino con due carote e un gambo di sedano tagliati a pezzi grandi.
Il mattino successivo si toglie la carne dal vino e dalle verdure.
Preparare un soffritto con i cipollotti il gambo di sedano e carote tritate e farlo appassire nel burro con un po’ di lardo, (l’Emilia non usa tradizionalmente olio perché non è terra di ulivi) rosolare in seguito la carne di somara a fuoco alto fino a che non sarà dorata, aggiungere un rametto di rosmarino e un paio di spicchi d’aglio, irrorare il tutto con lambrusco Albone e far evaporare, cuocere per almeno due ore a fuoco moderato, aggiungere il pomodoro venti minuti prima della fine della cottura e aggiungere sale se necessario.
Prima di mettersi a tavola preparare la polenta
Portate a ebollizione l’acqua, aggiungete il sale e versate la farina a pioggia mescolando continuamente per non far formare grumi con un mestolo di legno, aggiungete un bicchiere di lambrusco Albone e cuocete per circa quarantacinque minuti.
Servite Somara con polenta accompagnato da una bottiglia di Albone servita a dodici gradi possibilmente in calici abbastanza ampi che permettono di risaltare tutti i suoi profumi e sensazioni.

Paride Rabitti il Lambruscolo

Somara e Polenta Osteria la Piola Paride Rabitti il Lambruscoloultima modifica: 2016-09-20T14:10:00+00:00da vinipassione1
Reposta per primo quest’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato ma sarà visibile all'autore del blog.