Premio ‘Casato Prime Donne’ La dedica di Carla Fendi per Montalcino

Acqua e Vino, Stefano Carlucci .JPGMontalcino, 7 settembre 2011

La dedica di Carla Fendi per Montalcino

Ecco le parole che rimarranno per sempre nei vigneti di Brunello di Montalcino come ricordo di Carla Fendi vincitrice del Premio ‘Casato Prime Donne’ 2011

 

Carla Fendi, Presidente Onorario della Maison Fendi e mecenate della cultura, è stata scelta come vincitrice del Premio ‘Casato Prime Donne’ 2011. Il premio che viene assegnato ogni anno a Montalcino a chi valorizza la presenza femminile nella società e nel lavoro. E Carla lo fa, e lo ha fatto, in modo esemplare portando la moda italiana a grandi traguardi internazionali e recentemente impegnando denaro e tempo nel restauro del teatro Caio Melisso e nella rinascita del Festival dei Due Mondi di Spoleto.

Come è tradizione la vincitrice del Premio ‘Casato Prime Donne’ detta una dedica che viene scritta su un cippo di travertino e collocata lungo un sentiero nei vigneti di Brunello del Casato Prime Donne. Si tratta dell’azienda che promuove il premio e rappresenta una bandiera per l’enologia al femminile essendo la prima in Italia con un organico interamente in rosa.

Il percorso in cui viene collocata la dedica è nella campagna patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, dove i vigneti di Sangiovese Brunello e gli antichi insediamenti rimandano a un’armonia antica fra l’uomo e la natura. Negli anni hanno lasciato qui i loro pensieri personaggi emblematici dell’universo femminile come Carla Fracci, Kerry Kennedy, le volontarie del telefono rosa e, lo scorso anno, l’astronauta Samantha Cristoforetti.

Carla Fendi ama la campagna tanto da festeggiare nell’azienda agricola delle nipoti, Maria Silvia e  Ilaria Venturini Fendi , le sue nozze d’oro con Candido Speroni, che ha conosciuto durante una vacanza a Pian Castagnaio, ai piedi del monte Amiata , un luogo a cui tuttora Carla Fendi è molto legata perché è il luogo del loro primo incontro. Per lei questa terra non è dunque sconosciuta ed è sicuramente amata. Da questa familiarità e da questo affetto per le donne e il loro destino futuro, per la campagna toscana e il suo destino futuro scaturisce questa bellissima dedica:

 
“E’ sacro, e da proteggere con ogni cura, tutto ciò che dalla fatica e dal lavoro dell’uomo è trasformato fino a divenire arte e bellezza, come questa impareggiabile terra senese e i suoi prodotti, per il geniale talento e l’appassionata, tenace operosità della sua gente, a me così cara.

Carla Fendi”

 

 

Villa de Varda, è una storica cantina e distilleria del Trentino.

Villa de Varda, è una storica cantina e distilleria del Trentino.

Produce grappe da 5 generazione e vini da ben quattro.

E’ una piccola realtà ricchissima di storia, tutta testimoniata dal museo visitabile in sede a Mezzolombardo, composto da 1.600 pezzi ed attrezzi antichi riguardante l’arte della grappa, del vino e dell’agricoltura in Trentino.

Ogni pezzo è sapientemente restaurato, numerato e catalogato, per far vivere agli ospiti una vera emozione enologica “passata”. La raccolta è patrocinata dal Ministero dei Beni Culturali.

E’ una tappa d’obbligo per molti turisti e per tutti gli amanti delle belle cose di un tempo.

Le grappe sono prodotte tutte col metodo tradizionale discontinuo e lavorate con il metodo brevettato de Varda, donando così ai distillati una indiscussa caratteristica morbida, ricchezza d’aroma e tipicità dal vitigno (tipo d’uva) notevole.

Molte produzioni di grappe, rimangono nelle sale d’invecchiamento nei piccoli contenitori di vari legni pregiati (le barrique) per ammorbidirsi ulteriormente ed assumere i caratteristici profumi, aromi e sensazioni delle vere “grappe riserve” (o grappa barricata).

La cantina di proprietà Campo Maseri, produce ottimi vini trentini, spesso citati sulle più note ed autorevoli guide del buon bere internazionale.

Vengono proposti tra i tanti, vari Teroldego Rotaliano doc, il vino Trentino per eccellenza. La culla del Teroldego è la Piana Rotaliana, nel cuore della quale troviamo proprio la sede storica (e museo) della Villa de Varda e Campo Maseri.

Non resta davvero altro che degustare i prodotti e visitare la distilleria, la barricaia, la cantina col museo.

 

Lonza di maiale alla birra Isaac Baladin – Cose Buone

Ingredienti
700 gr di lonza di maiale
120 gr di prosciutto cotto Branchi
½ Litro di birra Isaac Baladin
3 Cucchiai di olio extra vegine di oliva Opera Mastra Ursini
1 cipolla
1 Dl di brodo
1 Cucchiaino di senape
prezzemolo tritato
Sale e pepe I Gusti vegetali di Ferri 

Preparazione
Prendete la carne e farcitela con il prosciutto cotto, poi legatela e fatela rosolare in una padella dove avete fatto soffriggere la cipolla tagliata sottile, salate e pepate, poi sfumate con la birra e il brodo, coprite con il coperchio e lasciate cuocere a fiamma bassa per 1 ora. Una volta cotto, fatelo intiepidire e poi tagliatelo a fette  e tenetelo da parte. Nel frattempo frullate il fondo di cottura, mettete il prezzemolo tritato e il cucchiaino di senape.

Servite in tavola l’ arrosto con il suo fondo di cottura.

Cose Buone – Alimentari e Prodotti Tipici

Piazza G. Mazzini 13

Polesine di Pegognaga (MN)

Telefono 0376 525270 c

info@cosebuoneweb.com

 

La notte rosa con Mattia Vezzola degustazione vini rosati in abbinamento ai Cibi Rari e Prezios- Polesine di Pegognaga (MN)

Venerdì 23 settembre 201

Si presentano

“siamo orgogliosi ad invitarVi alla serata con Mattia Vezzola e i vini rosati della sua Cantina Costaripa in abbinamento ai Cibi Rari e Preziosi di Longino & Cardenal.

Venerdì 23 settembre 2011 alle ore 21,00 iscriviti alla:

” Notte Rosa ” con Mattia Vezzola.

Una festa privata, sotto il portico di Cose Buone per 40 di Voi che si prenoteranno per passare una serata con i vini rosati della Cantina Costaripa. Il ” Miglior Enologo ” del 2004, ovvero Mattia Vezzola, enologo anche di Bellavista, cenerà con noi e ci racconterà la sua esperienza di vita e di lavoro ma anche del progetto ” La vigna in rosa ” il colore che ama di più. Lo Chef Giorgia Cremonesi, del Laboratorio San Martino,  ci preparerà tutti i piatti della serata, cucinati selezionando gli ingredienti dal prestigioso catalogo della Longino & Cardenal. A completare in dolce la serata ci penserà il nostro pasticciere di fiducia, Ivan Buzzi della Pasticceria San Benedetto.

Proponiamo la serata a 30,00 euro a partecipante, e Vi chiediamo una mail di conferma per chi vorrà esserci: non mancate alla prima notte rosa della Vostra vita ….”

 Cose Buone – Alimentari e Prodotti Tipici

Piazza G. Mazzini 13
Polesine di Pegognaga (MN)
Telefono 0376 525270 c
info@cosebuoneweb.com

Azienda Agricola Canneto- Vino Nobile di Montepulciano

Azienda Agricola Canneto si estende sul pendio occidentale di Montepulciano, nei pressi della stupenda chiesa di San Biagio, e ha alle spalle una lunga tradizione vitivinicola. Con l’acquisto, i nuovi proprietari hanno inteso restaurare gli edifici nel r…ispetto della vocazione viticola, costruendo una nuova cantina, comperando macchinari, impianti e attrezzature, curando e ringiovanendo le viti egli olivi. Il podere misura 48 ettari, 26 dei quali sono coltivati a vigneto, 16 di questi ettari sono riservati alla produzione del Vino Nobile. Le viti sorgono su terreno marnoso frammisto a ghiaia, sito ad un’altitudine tra 350 e 400 m sul mare. I vigneti sono principalmente orientati verso sud e la coltivazine e a cordone orizzontale. Ulteriori 4 ettari sono riservati agli olivi per la produzione dell’olio d’oliva extra vergine.

Conferenza Premio Letterario Nazionale Sirmione Lugana 2011 – Pozzolengo (BS)

Mercoledì 14 settembre 2011

Conferenza stampa per la presentazione di:Premio Letterario Nazionale “Sirmione Lugana 2011” Seconda Edizione

Mercoledì 14 settembre 2011 – 0re 10,45

Azienda Agricola Cantine Bulgarini

Loc. Vaibò – Pzzolengo (BS)

 

Con il patrocinio di: Provincia di Brescia e  Comune di Sirmione

 

Manifestazione culturale a sostegno di:

Fondazione Laudato Si per la costruzione dell’ ”Ospedale Laudato Si” di Rivoltella del Garda

Seguirà aperitivo di congedo

L’Associazione Culturale CircumnavigArte promuove per il secondo anno consecutivo il  “Premio Letterario Sirmione Lugana”, edizione 2011, patrocinato come nella prima edizione da Presidenza della Provincia di Brescia e Amministrazione Comunale di Sirmione. Quest’anno le sezioni in concorso saranno tre, due per la poesia (lingua italiana e dialetto) e una di disegni riservata ai bambini a tema “i 150 anni dell’Italia visti dai bambini”.

Anche questa seconda edizione del Premio unisce alla promozione della poesia una finalità  ben più importante. Ci prefiggiamo di portare un importante contributo ad una iniziativa di grande importanza per tutto il territorio del basso Garda: la costruzione dell’Ospedale Laudato Si di Rivoltella di Desenzano del Garda, opera che sta concretizzandosi grazie alla Fondazione Laudato Si.

Essere giunti alla seconda edizione di un Premio Letterario è sempre un importante risultato, un obiettivo raggiunto, una promozione e quest’anno il “Sirmione Lugana” è alla sua prova di maturità. Tutta la squadra che ha portato a buon fine la prima edizione è ancora più entusiasta e determinata dello scorso anno per fare in modo che questo Premio Letterario possa lasciare anno dopo anno segni importanti della sua presenza. Il segno che si vuole lasciare partendo da questa seconda  edizione è quello di poter essere tutti uniti, organizzatori, sostenitori, autori partecipanti, Enti Pubblici e privati, nel portare un grande contributo alla Fondazione Laudato Si per la realizzazione dell’Ospedale Laudato Si di Rivoltella.”   

 

Quest’anno inoltre la squadra è ancora più forte del 2010: le Cantine Bulgarini saranno in prima fila nel sostenere l’iniziativa e il Consorzio Tutela Grana Padano non ha esitato ha affiancarsi nell’impresa, e unitamente a queste due importanti  realtà del territorio, Associazione Albergatori di Sirmione e numerose aziende hanno legato il loro nome al Premio Sirmione Lugana 2011.

La cerimonia di premiazione si terrà il giorno sabato 10 dicembre 2011 nella accogliente sala della Biblioteca Comunale di Sirmione; unitamente alla premiazione dei vincitori verranno assegnati i Premi Speciali “Territorio e Cultura” e “Clara Bombaci”.

Interverranno alla conferenza stampa:

Dott. Alessandro Mattinzoli (Sindaco di Sirmione)

Dott.ssa Luisa Lavelli (Assessore Cultura e Pubblica Istruzione Sirmione)

Don Pierino Ferrari (Fondazione Laudato Si)

Dott.ssa Mirella Parmeggiani  (Direzione Eventi Italia Consorzio Tutela Grana Padano)

Sigg.ri Fulvio e Virginia Bulgarini – (Azienda Agricola Cantina Bulgarini)

Dott.ssa Pasqua Dibiase (Presidente Biblioteca di Sirmione)

Sig. Aurelio Armio (Presidente Associazione CircumnavigArte)
 

SI PREGA CORTESEMENTE DI CONFERMARE LA PRESENZA E IL NOMINATIVO DEL CORRISPONDENTE CHE INTERVERRA’ AI CONTATTI SOTTO CITATI.

 

UFFICIO STAMPA:

contatto e-mail: ufficio.stampa@circumnavigarte.it

Aurelio Armio – tel. 3331629246 – presidente@circumnavigarte.it 

Calici di stelle Città del vino – Campoli del Monte Taburno (BN)

Da lunedì 8 agosto a mercoledì 10 agosto 2011

Campoli del Monte Taburno (Benevento)

Ad agosto, nei giorni 8-9-10, ritorna a Campoli del Monte Taburno in provincia di Benevento, “Calici di Stelle –Città del Vino” appuntamento enogastronomico, rientrante tra i “Grandi Eventi” promossi dalla Regione Campania. Grandi sorprese interesseranno la manifestazione per questa edizione 2011. Il Forum dei Giovani, organizzatore dell’evento, ha promesso una cornice maggiormente accogliete rispetto agli anni precedenti anche e soprattutto per festeggiare al meglio i dieci anni di “Calici di Stelle”. Ricorre, infatti, quest’anno la decima edizione dell’evento che si presenta sempre con le sue vesti di rinomato appuntamento che vuole mette in mostra, durante la tre giorni, i prodotti tipici della tradizione contadina dell’entroterra sannita. Il Forum dei Giovani di Campoli da sempre si onora di organizzare la manifestazione che maggiormente promuove i prodotti agricoli e della tradizione del nostro territorio”. “Calici di Stelle” è una manifestazione a carattere nazionale, che rientra nel circuito di Città del Vino. L’edizione Sannita ha luogo a Campoli del Monte Taburno dall’8 di agosto fino al 10, giorno di San Lorenzo chiusura della manifestazione. L’evento è una vera e propria vetrina enogastronomica che affascina i tantissimi visitatori giunti nel piccolo paese ai piedi del monte Taburno da ogni angolo della regione e non solo. Le tre serate sono accompagnate da spettacoli musicali, ballo liscio, musica popolare e attrattive di vario genere che coinvolgono ogni singola fascia di età. Al centro dell’attenzione il re dei nostri prodotti agricoli, il Vino.

CALICI DI STELLE-CITTA’ DEL VINO E’…UNO STAND GASTRONOMICO
DOVE POTER CONSUMARE I PRODOTTI DELLA TRADIZIONE
La festa prevede anche uno stand gastronomico (gestito dall’organizzazione) dove i visitatori hanno la possibilità di consumare i prodotti tipici della tradizione contadina(menù ancora da definire. Si prevede: cavatelli al sugo con tracchie di maiale; rustico con salami locali; padelaccia -soffritto di carne di maiale con peperoni e patate-; panino con salsiccia; pizzili -pastella fritta con fiori di zucca-; zucchine fritte; sfizi fritti di varia fattura; dolci di vari tipi).
A termine delle tre serate e possibile assistere ad uno spettacolo di fuochi pirotecnici che esalta maggiormente l’essenza stessa della manifestazione vista come un momento di festa e di aggregazione ma anche di promozione del territorio stesso.

LA GARA TRA I PRODUTORI PER ELEGGERE IL MIGLIOR VINO D’ANNATA
A caratterizzare le tre serate si svolge la consueto gara ufficiale, tra le varie aziende partecipanti, con lo scopo di premiare il vino migliore di annata. La giuria, che ha il compito di eleggere il migliore prodotto, è composta, come ogni anno, dai sommelier della Fisar (Federazione Italiana Sommelier Albergatori e Ristoratori). I sommelier danno, ai presenti, anche la possibilità di una degustazione guidata del prodotto vinicolo. Alla serata partecipano anche note cantine della provincia e dell’intera regione che, non rientrando nella gara, hanno il solo scopo espositivo.

CALICI DI STELLE-CITTA’ DEL VINO E’…MUSEO DELLA TRADIZIONE CONTADINA
Si ripropone, anche per quest’anno il Museo della Tradizione Contadini. L’idea nata grazie alla collaborazione con l’agenzia Art-Sannio e quindi con il Musa (Museo Provinciale delle Attività Contadina). Sarà allestito nei tre giorni un museo permanente. Completerà il tutto un punto dove i visitatori potranno vedere una ricostruzione di una cantina secolare. Stiamo parlando di una manifestazione che vede la presenza, nei 3 giorni, di migliaia di visitatori giunti da ogni parte della regione con il solo intento di degustare ed acquistare i nostri prodotti tipici. E’ necessario tener presente che la manifestazione non è affatto la classica sagra di paese, ma è una realtà, fortificatasi in nove anni di presenza, e che vede la partecipazione di migliaia di amatori, coinvolgendo numerose aziende enogastronimiche dell’intera regione; alla serata partecipano anche aziende che promuovono prodotti non alimentari della tradizione.

CALICI DI STELLE-CITTA’ DEL VINO E’…LA STRADA DEL GUSTO
E’ stata creata la strada del gusto: decine di espositori in legno che danno la possibilità alle aziende enogastronomiche di esporre i loro prodotti e ne offrono la degustazione gratuita. E’ nostro impegno promuovere, tramite Calici di Stelle, quindi di Città del Vino e di tutti i canali possibili, le prelibatezze del nostro entroterra sannita e non solo, ecco perchè non mettiamo limiti geografici alla partecipazione delle aziende.

CALICI DI STELLE-CITTA’ DEL VINO E’…LOTTERIA
Ogni anno si propone una lotteria, con estrazione al termine della terza serata, con premi ricchi e molto interessanti:
1° PREMIO: Viaggio per 2 persone in una capitale europea a scelta
2° PREMIO: Tv Palsma Lg 42 pollici
3° PREMIO: Netbook Samsung Nc110
4° PREMIO: Nintendo Wii Sports Resort
5° PREMIO: Fotocamera Digitale Samsung St30
6° PREMIO: 20 bottiglie di Vino delle aziende partecipanti all’evento

per il regolamento consultare il sito ufficiale dell’associazione: www.fdgcampoli.altervista.?org
Il costo del biglietto è di un piccolo contributo volontario di 2 euro.

CALICI DI STELLE-CITTA’ DEL VINO E’…DIVERTIMENTO PER TUTTI
CON MUSICA E LUNA PARK
E’ intenzione dell’Associazione, per quest’anno, riuscire a dar vita a nuove attrattive anche per i piccoli visitatori; ecco perché abbiamo pensato di organizzare un piccolo Luna-Park con giostre e gonfiabili dove i ragazzi e i bambini di tutte le età possono divertirsi senza problemi. Un modo per concedere alle famiglie di trascorrere le tre serate in tranquillità affidando i loro bambini ad esperti che li faranno divertire con tanti giochi e divertimenti. Ad allietare le serate ci saranno spettacoli musicali di vario genere con ballo liscio, musica popolare e tanta altra buona musica.

CALICI DI STELLE-CITTA’ DEL VINO E’…MOSTRA FOTOGRAFICA STORICA DI CAMPOLI E DELLA VALLE VITULANESE
E’ il professore Giuseppe Orlacchio che, con l’ausilio dei ragazzi del Forum, ha allestito una mostra fotografica nella quale si ripercorrono, per argomento le tappe storiche salienti di Campoli del Monte Taburno. I visitatori potranno conoscere la Campoli che fu: la vecchia chiesa parrocchiale, i luoghi del centro storico prima e dopo il restauro, i personaggi che hanno caratterizzato l’esistenza della nostra piccola comunità, ma anche i semplici cittadini che nella quotidianità hanno scritto pagine importanti.

CALICI DI STELLE-CITTA’ DEL VINO E’…SOLIDARIETA’
Ricordiamo inoltre che da quattro anni il Forum dei Giovani di Campoli del Monte Taburno è gemellato con una associazione che pratica volontariato in Burkina Faso, presso la diocesi di Ouahigouya; alla conclusione di ogni festa inviamo parte del ricavato come contributo di solidarietà per le popolazioni disagiate della nazione africana. Nei primi due anni il nostro atto ha dato la possibilità ai volontari di scavare un pozzo e dare acqua potabile e per l’irrigazione a distese di terreno desertico. Anche quest’anno proponiamo una serie di iniziative, durante la manifestazione, che possano sensibilizzare l’opinione pubblica al tema del terzo mondo.

CALICI DI STELLE-CITTA’ DEL VINO E’…ESCURSIONI
NEL PARCO DEL TABURNO-CAMPOSAURO
L’evento giunto alla decima edizione vuole essere un polo di attrattiva per scoprire le bellezze della nostra terra. Ecco perchè anche quest’anno riproponiamo un programma che impegna anche le ore diurne. E’ un modo per adempiere alle richieste dei turisti che contattandoci ci chiedono di pernottare tra le nostre splendide montagne della “Dormiente Sannita”. Di conseguenza abbiamo organizzato una serie di escursioni nelle ore diurne dando, così, la possibilità ai visitatori di tuffarsi nel coinvolgente scenario paesaggistico dell’entroterra sannita. Attueremo visite guidate tra le bellezze del Parco del Taburno-Camposauro, offrendo la possibilità di pernottare il caratteristici agriturismi; dando la possibilità al turista di sentirsi coinvolto dalla magica tradizione contadina del luogo.

IL FORUM DEI GIOVANI DI CAMPOLI DEL MONTE TABURNO
Il Forum dei Giovani di Campoli del Monte Taburno è una associazione che raccoglie tantissimi giovani del comprensorio ed offre tante possibilità di aggregazione della fascia giovanile della popolazione. Si tratta di una associazione culturale senza scopo di lucro che ha il privilegio e l’impegno di promuovere il territorio e le sue innumerevoli realtà. L’Associazione ha dato vita ad un periodico in distribuzione gratuitamente e che possibile trovare sul web all’indirizzo internet: www.fdgcampoli.altervista.?org.
L’Associazione, al suo interno, ha anche una piccola compagnia teatrale che, in ogni festività natalizia propone commedie della tradizione napoletana di Eduardo Scarpetta ed Eduardo De Filippo.

DA SOTTOLINEARE: contattando gli organizzatori è possibile ricevere informazioni per il pernottamento e per i percorsi turistici diurni che porteranno i turisti a scoprire le bellezze suggestive sia storiche che paesaggistiche del Parco del Taburno-Camposauro

recapiti: fdgcampolimt@libero.it forumgiovanicampolimt@virg?ilio.it
link: www.fdgcampoli.altervista.?org
Per informazioni:
tel: Antonio Caporaso 334.8616538
Salvatore Caporaso 339.1884603
Luigi Iadanza 340.7728168
sito internet: www.fdgcampoli.altervista.?org
e-mail: forumgiovanicampolimt@virg?ilio.it ; fdgcampolimt@libero.it
Facebook: Fdg Campolimt

Granita all’anguria – Moda & Style

Ingredienti
1 anguria
2 cucchiai di zucchero
un po’ di brandy
ghiaccio

Preparazione
Tagliate a metà l’anguria nel senso dell’altezza: scavatene la polpa interna, aiutandovi con un cucchiaio e, dopo averla ridotta a pezzettini, passatela al frullatore.
Aggiungetevi lo zucchero, mescolate con cura e diluite con abbondante ghiaccio tritato.
Spruzzate le pareti interne dell’anguria con un po’ di liquore: riempitela con la granita e servite.

Insalata di anguria – Moda e Style

Ingredienti
500 gr di anguria
4 cucchiai di zucchero
1/2 bicchiere di rhum
1/2  bicchiere di maraschino.
 

Preparazione
Private l’anguria dei semi e della buccia: tagliate le parti molto rosse a dadini e versatele in una grande coppa. Cospargete con lo zucchero, il rhum, il maraschino e mescolate bene.
Passate la coppa in frigorifero a raffreddare per qualche ora, rimescolate e servite.

Italia

La guida accompagna il lettore per itinerari e percorsi enogastronomici, alla scoperta di specialità e prodotti tipici delle varie regioni italiane. Propone un ampio percorso che attraversa tutta la Penisola esaminandone dettagliatamente vino, olio, salumi, formaggi, prodotti spontanei, pane, dolci e molte altre tipicità.

Curatore G. Stecchi; M. Beretta
Editore Mondadori Electa, 2004

Strada del vino Cesanese

La Strada del Vino Cesanese , costituitasi nel 2006, è un insieme di itinerari territoriali dedicati ai temi della vite e del vino che si snodano in una zona territoriale che comprende alcuni comuni della Provincia di Roma e di Frosinone.

Senza fini di lucro, l’obiettivo è quello di rafforzare la cultura della qualità dell’accoglienza e dell’ospitalità, valorizzando le peculiarità enologiche, gastronimiche

Missione   
sviluppo del turismo enogastronomico legato alla zona del Cesanse del Piglio DOCG e del Cesanese d’Affile DOC e dell’Olio Rosciola
Prodotti   
Vino Cesanese del Piglio DOCG, Cesanese di Affile DOC, olio extravergine di Rosciola, ciambella serronese, Fallone di Affile, dolci secchi, zafferano di Affile,salumi, latte d’asina ….

E-mail   
info.stradavinocesanese@gmail.com
Telefono   
0775501578 – 366.6322822
Sito Web   
http://www.stradadelvinocesanese.it

I percorsi del gusto I° Edizione – Carlopoli (CZ)

Da mercoledì 3 agosto al 20 agosto 2011
 
 
I Percorsi del Gusto è una manifestazione rivolta a tutti gli amanti della cultura enogastronomica italiana e che offrirà ai visitatori una vasta panoramica culinaria e turistica del territorio di Carlopoli. Ogni evento è programmato per valorizzare le tradizioni e le capacità del popolo carlopolese in diversi  ambiti culinari, ed offrirà ai visitatori, a titolo  completamente gratuito, un’esperienza intensa ed emozionante che andrà dalle classiche degustazioni “su  tagliere” a delle vere e proprie escursioni tematiche all’interno dei laboratori delle aziende produttrici. Questa iniziativa è stata programmata nell’ambito del progetto Carlopoli@sostenibile. Tale progetto è finanziato nell’ambito della Misura 313 Azione 1 del PSR Calabria 2007-2013, finalizzato a favorire la  crescita economica e sociale del territorio di Carlopoli attraverso la valorizzazione delle risorse naturali, ambientali e culturali presenti nell’area.

Confettura di scorze di anguria – Moda & style

Ingredienti
2 kg di scorze di anguria
1 limone
succoso
1 un bicchierino di brandy
500 gr di zucchero.

Preparazione
Eliminate per quanto possibile la parte verde esterna delle scorze di anguria e tagliate il resto a piccoli cubetti.
Mettete la frutta al fuoco, in una casseruola insieme con lo zucchero, il succo e la scorza grattugiata (solo la parte gialla) del limone.
Mescolando e schiumando di tanto in tanto, fate cuocere la marmellata su fiamma moderata finché raggiunga la giusta consistenza; poco prima di spegnere il fuoco, unite il brandy e mescolate bene.
Invasate a caldo, chiudete ermeticamente e capovolgete i barattoli sino a completo raffreddamento.

Primitivo di Manduria – Vinoteca Perugia San Sisto

primitivo.jpgIl Primitivo di Manduria è un vino rosso di colore violaceo, sapore pieno e gradevole che diventa vellutato col tempo, gradazione minima 14°; si abbina ad arrosti di carni rosse, grigliate di carni, pastasciutte al ragù, zuppe corpose e selvaggina, formaggi stagionati. Si beve in un tulipano panciuto alla temperatura di 18/22°.

 

 

Vinoteca Perugia San Sisto 

San Sisto 57

San Sisto

Perugia (PG)

Anguria al Cognac – Viaggi e svaghi

Ingredienti
1 grossa anguria
cognac quanto basta

Preparazione
Prendete una grossa anguria e mettetela in frigorifero per tre o quattro ore.
Trascorso questo tempo, con una siringa iniettate nel frutto, in quattro punti diversi, cinque o sei bicchierini di cognac.
Lasciate assorbire, quindi tagliate a fettine il frutto, accompagnando le fette con un bicchierino di cognac per ciascun commensale.

Anguria alla frutta secca – Viaggi e Svaghi

Ingredienti
1 bicchierino di brandy
1 bicchierino di cointreau (o di altro liquore dolce a piacere)
1 piccola anguria ben matura
2 cucchiaiate di uvetta passa
2 cucchiaiate di pinoli
1 cucchiaiata di mandorle
4 cucchiaiate di zucchero
il succo di un limone.

Preparazione
Fate ammollare l’uvetta in una ciotola con poca acqua, scolatela, mettetela in una terrina ed unitevi i pinoli, le mandorle tagliate a filetti (sbollentatele prima per eliminare la pellicina) ed il cointreau.
Mescolate bene il tutto.
Tagliate la calotta superiore all’anguria e scavatene la polpa, eliminate quella più molle con i semi e tagliate la rimanente a dadini; unitela alla frutta secca nella terrina; irrorate con il succo di limone e con il brandy, aggiungete lo zucchero e versate il tutto nell’anguria svuotata. Coprite l’anguria con la sua calotta.
Tenete in frigorifero per almeno un’ora prima di servire.

Negroamaro – Vinoteca Perugia San Sisto

begramaro.jpgVarietà della Puglia che domina i grandi rossi della penisola salentina e del Sud. Vitigno a bacca nera di origini incerte, forse introdotto dai greci nella zona Ionica; per troppo tempo, purtroppo, considerato soltanto vino da taglio.
Il suo nome deriva dal termine dialettale “niuru maru”, per il caratteristico colore nero dell’acino e il sapore ticamente amarognolo del vino che se ne ricava.
Il Negroamaro deve il suo nome al colore nero del grappolo ed al sapore tendente all’amarognolo tipico del vino che se ne ottiene. I grappoli, di media dimensione, sono piuttosto corti e conici. Acini di media grandezza, ellissoidali, con buccia spessa e consistente di color nero-rossastro. Ottima vigoria e produttività abbondante e costante. Matura a fine settembre – primi di ottobre.

Vinoteca Perugia San Sisto
San Sisto 57
San Sisto
Perugia (PG)